(+39) 080.4676776    (+39) 392.2418646    (+39) 392.1446400    info@pugliaetmores.it

Carnevale in Puglia: Le maschere del Carnevale

Le maschere del Carnevale in Puglia:

La piu' famosa è "Farinella" a Putignano.

Puglia et Mores
(+39) 080.4676776 |
(+39) 392.2418646 | (+39) 392.1446400 | info@pugliaetmores.it

 

Il Carnevale in Puglia viene celebrato in moltissimi piccoli e grandi centri della regione: molte sono le sfilate di maestosi e meravigliosi carri allegorici, accompagnati da cortei di maschere colorate. Si contano numerosissime maschere regionali pugliesi, rappresentanti vizi e virtù della popolazione. Alcune di esse, come la maschera di Farinella del carnevale di Putignano, sono molto famose in tutto il territorio nazionale, altre, invece, non hanno avuto una grande notorietà. All'interno di questo articolo potrete scoprire tutte le maschere del Carnevale pugliese e prendere spunti per travestirvi per trascorrere le vostre vacanze di Carnevale in Puglia
Gibergallo è una delle due maschere ufficiali del Carnevale di Massafra. È stata ideata nella seconda metà del '900 dal massafrese Gilberto Gallo, il quale era solito indossare un frac bianco e nero e una maglia a strisce gialle e rosse, truccato come un clown. Immancabilmente, portava con sè un gallo al guinzaglio. Negli anni, moltissimi hanno cominciato a vestirsi come lui, contribuendo alla costruzione del mito della maschera di Gibergallo, rappresentato anche su diversi carri allegorici del Carnevale di Massafra.
Lu pagghiuse è l'altra maschera del Carnevale di Massafra, la quale rappresenta una delle caratteristiche principali, almeno secondo la tradizione, degli abitanti di Massafra: la passionalità, l' infervorarsi per ogni inziativa. Passionalità e spirito di iniziativa che, però, svaniscono subito, brucia tutto come un fuoco di paglia, u pagghiuse per l'appunto. La maschera rappresenta un personaggio a metà strada fra un menestrello, un giullare e un contadino, con il caratteristico berretto azzurro di lana, il fascione rosso in vita, il mantello marrone, i braccialetti con i campanellini alle caviglie, la bisaccia e il "cupa-cupa", uno strumento musicale di origini antiche e legato alla tradizione contadina. Tradizionalmente, lu pagghiuse ha un carattere aperto ed ospitale, che invita all'allegria e alla condivisione.
Lu Titoru (Teodoro) è la maschera ufficiale del Carnevale di Gallipoli. Secondo la tradizione, Teodoro era un giovane ragazzo di Gallipoli che, tornato dal militare il martedì grasso, chiese alla madre di preparargli il suo piatto preferito, le polpette, prima di cominciare il digiuno quaresimale. Preso dalla foga, Teodoro rimase soffocato dalle polpette e morì. Il gruppo mascherato rappresenta il povero Titoru morto, seguito dalla madre e dalle "chiangimorti", un gruppo di ragazzi vestiti da donne che piangono il defunto. La madre di Titoru rappresenta la "Caremma", la Quarantana salentina.
Il Carnevale di Corato presenta tre maschere ufficiali: ù panzòne, la vecchiaredd e ù scerìff. Ù panzòne è l'allegoria di una ricchezza troppo ostentata e di una falsa generosità, che nei primi decenni del '900 imperava nella società coratina. La vecchiaredd, dall'aspetto molto simile a quello delle Quarantane, rappresenterebbe l'allegoria della vecchia generazione, che porta sulle sue spalle quella moderna, ancora troppo debole ed indifesa. La maschera ù sceriff nasce dal benessere economico degli anni '50-'60, anni in cui la maschera trova la sua origine, prendendo spunto dalla nascente filmografia hollywoodiana e dai film western.
La maschera del Carnevale di Aradeo è "lu sciacuddhuzzi", il quale rappresenta un piccolo uomo, molto simile ad uno gnomo, che durante la notte si diverte a fare scherzi e dispetti a grandi e piccini. La sua nascita ha origini antichissime e alimenta le fantasie popolari da secoli, non solo nella penisola salentina, ma in tutta l'Italia meridionale prendendo nomi diversi a seconda dell'origine geografica: o' munaciello, làuro, monaceddhu, manacidd, carcagnulu, scazzamurrieddhu, scazzambrid...
Lu Casaranazzu è la maschera del Carnevale di Casarano: rappresenta un giullare con dei baffi, con indosso una camicia blu e larghi pantaloni rossi. Porta una cintura in vita, alla quale è legata una scarpa, simbolo della vocazione calzaturiera della città di Casarano.
La maschera del Carnevale di Manfredonia, il carnevale più importante della Daunia, è Ze Peppe Carnevale. La maschera, un fantoccio di paglia vestito di stracci, rappresenta un allegro signore seduto a bivaccare e a bere per tutto il periodo del Carnevale. Il giorno del martedì grasso, colto da una brutta broncopolmonite, muore e viene bruciato, simbolo della fine del Carnevale.
Foggia è la città con il più alto numero di maschere, se ne contano ben sette: ù moneche cercande, à Pacchianèlle, Menille, Ursine Stagnarille, Sciammi sciamme, Zechille e Peppuzze. La maschera du "moneche cercande" si ispira ad un uomo realmente esistito: la figura del monaco incappucciato con la barba finta e la mascherina calata sugli occhi vaga per la città, elemosinando qualcosa da mangiare; à Pacchianèlle è la maschera femminile foggiana, con guance e labbra truccate, indossa camicia bianca e gonnellone nero, orlato da due nastrini rossi e verdi; Menille (Carmenille) indossa frac, cilindro e papillon, porta un bastone di legno nero con pomo bianco per cacciare chi lo insulta;

Ursine Stagnarille è un accattone, famoso per i coperchi di latta cuciti al suo abito; Sciammi sciamme rappresenta un pover'uomo della città di Foggia che, per vivere, raccoglieva i cardi; Zechille rappresenta un'altra personalità di Foggia che, durante il periodo di Carnevale, apriva le sfilate dei carri indossando un abito consunto scuro, coppola e sigaretta in bocca. L'ultima maschera del Carnevale di Foggia è Peppuzze,  fantoccio di paglia rappresentante il Carnevale, al quale il giorno del martedì grasso si celebra il funerale.

Se sceglierete di trascorrere le vostre vacanze in Puglia durante il periodo di Carnevale, ci sarà da divertirsi!


Ecco una serie di offerte Carnevale in Puglia
 

 

  Indietro

Assistenza
24 h
Garanzia e
Affidabilità
100%
Organizziamo
la Tua Vacanza
Qualità
dei servizi
Strutture
selezionate
Cura dei
dettagli

Puglia et Mores consiglia