(+39) 080.4676776    (+39) 392.2418646    (+39) 392.1446400    info@pugliaetmores.it

I Riti della Pasqua in Puglia

I Riti della Pasqua in Puglia


Ecco che arriva uno dei tanti momenti più attesi dopo il Carnevale: la Pasqua.
La Pasqua che celebra la risurrezione di Gesù. È uno dei periodi dove la Puglia viene invasa da turisti perché curiosi di vedere più da vicino le nostre usanze e le tradizioni pugliesi. Certo è che è premura nostra far assaporare il miglior cibo mai mangiato prima d'ora. Infatti, per i pugliesi, il cibo è sacro il giorno della Pasqua, una cosa ormai nota. Ovviamente le tradizioni cambiano se ci spostiamo di paese in paese.

Il giorno della Pasqua, il cibo è ricco di verdure di stagione, combinate con l'agnello, che vedremo in seguito sarà il vero e proprio protagonista della tradizione pasquale insieme alle uova.
In genere, la tavola pugliese si apre con il famoso “Benedetto”, che sarà un antipasto composto da capocollo di Martina Franca, le immancabili uova sode, fette di arancia, ricotta e olive. La tradizione, inoltre, vuole che il piatto sia asperso di acqua santa dopo la messa con un ramoscello d'olivo.

Come accennato, i rituali cambiano di paese in paese.

A Noicattaro, la settimana santa si celebra tramite una figura emblematica, il crocifero.

Il crocifero, veste un saio nero, con un cappuccio si copre il volto e capo, porta una corona di spine, trascina al piede scalzo una catena di ferro, prende sulle spalle una croce. Nel più rigoroso silenzio, va di chiesa in chiesa. Sul portale, ad ogni sosta, depone il suo grave fardello per essere libero di flagellarsi con la catena che gli ha appesantito il passo e ferito la caviglia. Spenta la pubblica illuminazione, le strade, gli archi, i campanili antichi nelle notti della Passione assumono toni ieratici, esaltando l’autentico al fioco tremolare di ceri e di fiaccole.

Ci spostiamo ora a Foggia, precisamente alle Fracchie di San Marco in Lamis, dove la settimana santa si celebra con enormi e singolari torce di legno.

Le fracchie sono costruite con fede e dedizione dagli abitanti di San Marco in Lamis, per illuminare il cammino della Madonna Addolorata alla ricerca del Figlio, fino alla chiesa della Collegiata. Le più grandi sfiorano 10-15 mt di lunghezza, con una bocca dal diametro di circa 2 mt, e sono costituite da un tronco riempito di rami, sterpi, schegge di legno, utili a realizzare un falò appoggiato su appositi carrelli in ferro. Questi “coni infiammati” sono trainati a mano per le vie principali del paese.

La tradizione rimanda l’origine di quest’usanza al 1800, quando, mancando l’illuminazione pubblica e trovandosi la Chiesa dell’Addolorata fuori dalle mura della città, si utilizzavano delle torce per illuminare il percorso della Vergine in processione.

Fede, cultura e folklore sono gli elementi che più si fondono nella Settimana Santa che precede la domenica di Pasqua. Elementi particolarmente sentiti nella caratteristica città di Trani che, per l’occasione, si lascia piacevolmente avvolgere da un clima denso di emozioni. Senza dubbio, però, il momento più atteso e suggestivo si concentra ogni anno nella caratteristica processione penitenziale della Vergine Addolorata, a partire dal sagrato della settecentesca chiesa di Santa Teresa alle 3.00 del mattino del Venerdì Santo, per concludersi quando il sole è già alto. Il pellegrinaggio di dolore coinvolge centinaia di confratelli rigorosamente incappucciati, insieme alle consorelle e ai devoti che, a piedi scalzi, portano in spalla la statua della Madonna.

Spostandoci adesso verso il Salento, vedremo come è possibile attraversare le vie crucis durante il venerdì santo, la più celebre è quella di Gallipoli, conosciuta meglio come processione dell'Urnia che inizia nel pomeriggio e termina a notte fonda.

Le tradizioni pasquali sono, quindi, un ottimo motivo per venire qui e festeggiare insieme a noi entrando in contatto con la propria spiritualità ed è altrettanto facile restare affascinati da eventi che caratterizzano i borghi più impensabili.

E tu che cosa aspetti?
Contattaci per informazioni al seguente recapito telefonico 080 4676776 oppure scrivici a info@pugliaetmores.it.
A questo link Offerte Pasqua e Pasquetta in Puglia puoi consultare le nostre proposte e offerte per trascorrere la festività della Pasqua in Puglia

  Indietro

Assistenza
24 h
Garanzia e
Affidabilità
100%
Organizziamo
la Tua Vacanza
Qualità
dei servizi
Strutture
selezionate
Cura dei
dettagli

Puglia et Mores consiglia